News

PULIRE 2019, ALL’INAUGURAZIONE ANCHE IL MESSAGGIO DEL GOVERNATORE LUCA ZAIA

Auguro a tutti un proficuo lavoro”. Con le parole del governatore della Regione Veneto Luca Zaia si è aperta la cerimonia di inaugurazione della XXIV edizione della fiera PULIRE, che fino al 23 maggio coinvolge 300 espositori e attende oltre 16mila visitatori. E il taglio del nastro alla presenza delle autorità ne ha decretato ufficialmente l’inizio.

            “Questo è un anno speciale, perché è appena stata formalizzata la collaborazione con ISSA e che qui vede concretamente l’internazionalità del progetto, con i 21 Paesi di provenienza degli espositori e i 100 di provenienza dei visitatori. Sono tanti i motivi per essere felici: nei padiglioni si respira efficienza, laboriosità”, ha dichiarato Toni D’Andrea, amministratore Delegato di Afidamp Servizi, società organizzatrice della rassegna fieristica.

            Il direttore esecutivo di ISSA, John Barret, ha citato lo scrittore americano Mark Twain per sottolineare l’importanza di essere consapevoli del “perché si costruiscono certe partnership. Noi di ISSA PULIRE Network lo sappiamo”.

            Giuseppe Riello, presidente di AfidampFAB, ha puntato sul “lavoro di squadra come elemento costitutivo di un risultato positivo”.

            Ha invece ricordato lo spessore del settore del cleaning professionale italiano il presidente di Veronafiere, Maurizio Danese: “è questo un settore che muove circa 2 miliardi di euro l’anno e il 50% derivano dall’esportazione. Ciò è significativo riguardo la qualità del made in Italy. Sono orgoglioso che PULIRE sia a Verona dal 1991”.

            Presente anche il sindaco della città scaligera, Federico Sboarina, che dopo aver ricordato che quando lavorava a Veronafiere nel 1997 funzionò Internet per la prima volta, ha lanciato lo sguardo al futuro: “Passato e futuro sono uniti in questa città, riconosciuta un gioiello nel mondo, e la fiera PULIRE va nella stessa direzione parlando di innovazione in questo settore così tanto rilevante per l’economia e la nostra vita”.

Share this